Seguici sui Social

Cronaca

Truffe agli anziani: banda guadagnava 70mila € e 1 kg d’oro al giorno

Pubblicato

il

Truffe agli anziani: banda guadagnava 70mila € e 1 kg d’oro al giorno
<img src="https://staticfanpage.akamaized.net/wp-content/uploads/sites/30/2024/05/gioielli-truffe-anziani-carabinieri-roma-300x225.jpg" alt="Carabinieri operazione anti-truffa anziani" />

<h1>Banda specializzata in truffe agli anziani sgominata dai Carabinieri</h1>

Una banda criminale, con base operativa a Napoli, è stata smantellata dai Carabinieri dopo essere stata accusata di prendere di mira anziani soli e affetti da gravi malattie in diverse province romane. I truffatori erano noti per i loro ingenti guadagni, accumulando fino a 70 mila euro al giorno e un chilo d'oro a settimana.

<h3>Indagini e arresti</h3>

Le indagini sono partite dopo diverse denunce di anziani truffati. Gli investigatori hanno scoperto che la banda utilizzava tecniche sofisticate per ingannare le loro vittime. Dopo mesi di approfondimenti e intercettazioni telefoniche, i Carabinieri hanno potuto identificare e arrestare i membri dell'organizzazione criminale.

<h3>Modus operandi della banda</h3>

Il modus operandi della banda era ben strutturato. Telefoni cellulari, informazioni personali rubate, e falsi incaricati di enti pubblici e banche erano gli strumenti principali utilizzati per ottenere la fiducia delle vittime. Una volta stabilito un contatto, i truffatori convincevano gli anziani a consegnare denaro e gioielli.

<h3>Supporto alle vittime</h3>

Dopo gli arresti, le forze dell'ordine hanno intensificato le campagne di sensibilizzazione per prevenire ulteriori truffe simili. Sono stati offerti supporto psicologico e assistenza legale alle vittime per aiutarle a recuperare emotivamente e, quando possibile, finanziariamente.

<h3>Conclusione</h3>

L'operazione ha rappresentato un importante successo nella lotta contro le truffe agli anziani, sottolineando l'importanza di informare e proteggere le persone più vulnerabili della società. Nonostante la chiusura di questa banda, le autorità invitano tutti a mantenere alta la guardia e a segnalare comportamenti sospetti.

<a href="https://www.fanpage.it/napoli/truffe-agli-anziani-i-guadagni-della-banda-70mila-euro-al-giorno-1-kg-doro-a-settimana/">Continua a leggere</a>

Questo articolo è ottimizzato per il SEO utilizzando un titolo efficace, sottotitoli H3 e un linguaggio chiaro e informativo.

Fonte

Cronaca

Indagine sul traffico di droga in carceria: 30 sospettati a Napoli, Roma e Avellino.

Pubblicato

il

Indagine sul traffico di droga in carceria: 30 sospettati a Napoli, Roma e Avellino.

Operazione contro il traffico di droga nelle carceri di Napoli, Roma ed Avellino

La città di Napoli si trova ancora una volta al centro di un’operazione contro il traffico di droga all’interno delle carceri, insieme a Roma ed Avellino, con la complicità di agenti penitenziari corrotti.

Le prime luci del giorno hanno visto l’inizio di una vasta operazione della polizia di Stato, che sta eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale di Napoli su richiesta della procura – Direzione distrettuale antimafia nei confronti di 30 indagati.

Queste persone sono gravemente indiziate per associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga, porto e detenzione di armi comuni da sparo, lesioni personali aggravate ed estorsione.

Sono inoltre coinvolti in singoli episodi di detenzione e spaccio di droga, nonché accesso indebito a dispositivi idonei alla comunicazione da parte dei detenuti.

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Falso addetto pulizie rapina 19 volte banche e studi legali a Napoli

Pubblicato

il

Falso addetto pulizie rapina 19 volte banche e studi legali a Napoli

I carabinieri hanno catturato un individuo di 45 anni accusato di commettere 19 furti aggravati in banche e studi legali tra Chiaia e il centro storico di Napoli tra il 2022 e il 2024.

L’uomo si fingeva addetto alle pulizie

Secondo quanto emerso dalle indagini, l’uomo si fingeva addetto alle pulizie per poter compiere i suoi colpi con facilità. Grazie a questo stratagemma, è riuscito a rubare denaro e preziosi all’interno di istituti bancari e studi legali senza destare sospetti.

Arrestato dopo un’operazione congiunta

L’arresto dell’uomo è avvenuto dopo un’operazione congiunta dei carabinieri, i quali sono riusciti a mettere fine alla serie di furti che aveva messo in allarme la comunità locale. Ora l’uomo dovrà rispondere delle sue azioni di fronte alla giustizia.

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Napoli: arrestato ladro solitario che si fingeva addetto alle pulizie, colpiva tra Chiaia e Centro storico.

Pubblicato

il

Napoli: arrestato ladro solitario che si fingeva addetto alle pulizie, colpiva tra Chiaia e Centro storico.

Ladro solitario arrestato a Napoli

Un uomo di 45 anni è stato arrestato a Napoli con l’accusa di aver commesso 19 furti aggravati tra ottobre 2022 e marzo 2024. Si fingeva addetto alle pulizie per entrare indisturbato in banche e studi legali.

L’uomo, identificato come I.P., si introduceva furtivamente in filiali di istituti di credito e studi legali nel quartiere Chiaia e nel Centro Storico, utilizzando strumenti del mestiere per causare il malfunzionamento dei servizi igienici e rubare durante la confusione.

Con i suoi colpi, è riuscito a rubare 16 smartphone, 700 euro in contanti e 3 pc aziendali. L’indagine coordinata dalla Procura e condotta dai Carabinieri ha portato all’arresto dell’uomo, attualmente in custodia cautelare in carcere.

Impegno delle forze dell’ordine per garantire sicurezza

L’operazione dei Carabinieri rappresenta un duro colpo alla microcriminalità che colpisce le attività commerciali nel centro cittadino. L’impegno delle forze dell’ordine è volto a garantire la sicurezza dei cittadini e a contrastare ogni forma di illegalità.

L’uomo è indagato a piede libero e presumibilmente innocente fino a sentenza definitiva. Questo arresto dimostra che le autorità locali sono determinate a contrastare i crimini e a proteggere la comunità da individui malintenzionati.

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Uomo trovato morto a Napoli con segni di soffocamento: indagine aperta

Pubblicato

il

Uomo trovato morto a Napoli con segni di soffocamento: indagine aperta

La Procura apre un’indagine sulla morte di un 59enne a Napoli

La Procura di Napoli ha avviato un’indagine sulla morte sospetta di un uomo di 59 anni trovato senza vita nella sua abitazione nel quartiere San Carlo all’Arena. Il cadavere presentava segni di soffocamento, il che lascia ipotizzare un omicidio.

Possibile omicidio nella città di Napoli

La scoperta del cadavere del 59enne ha scosso la comunità locale, sollevando preoccupazioni sulla sicurezza e portando le autorità a prendere seri provvedimenti. Le indagini sono in corso per fare luce sulla dinamica di questo tragico evento.

Appello alla cittadinanza per fornire informazioni utili

La polizia invita chiunque abbia notizie che possano aiutare nelle indagini a contattare le autorità competenti. Ogni dettaglio potrebbe essere cruciale per risolvere questo caso e portare i responsabili di questa violenta morte alla giustizia.

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Fine dell’amore tra Geolier e Valeria D’Agostino: lui vuole solo una ragazza napoletana.

Pubblicato

il

Fine dell’amore tra Geolier e Valeria D’Agostino: lui vuole solo una ragazza napoletana.

Geolier e Valeria D’Agostino: amore finito

È ufficiale: la storia tra il cantante Geolier e la modella Valeria D’Agostino è giunta al termine. La conferma arriva direttamente da Geolier in un’intervista a “Esse Magazine”, dove ha confessato la fine della loro relazione durata due anni.

“L’amore è sempre stato presente nella mia vita, e questo lo ritrovi anche nel mio disco, perché è quello che ho vissuto… la rottura”, ha affermato Geolier. “È stato un periodo difficile, ero abituato a vivere in quel modo da sempre”.

Sul futuro sentimentale, ha aggiunto: “Si può amare una sola persona nella vita, ma non è che poi non ami più. Ami in modo diverso. Per il momento non cerco quel tipo di attenzioni, anzi mi danno quasi fastidio, ma credo che non potrei stare con una ragazza che non sia di Napoli. Le ragazze di Napoli mi piacciono perché sono passionali, amano nel mio stesso modo”.

Le reazioni di Valeria D’Agostino e le voci sulla rottura

La modella, conosciuta sui social come VD’A, ha scelto per il momento di mantenere un profilo basso. Da tempo circolavano rumors sulla fine della loro relazione, alimentati anche da ipotetici flirt del rapper con l’attrice Maria Esposito.

In passato, Geolier aveva smentito queste voci, chiarendo che con Maria Esposito, la famosa Rosa Ricci di “Mare Fuori”, c’era soltanto un’amicizia.

Maria Chiara Del Gaudio

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Incendio tra Aversa e Giugliano, fumo visibile a Napoli

Pubblicato

il

Incendio tra Aversa e Giugliano, fumo visibile a Napoli

Incendio in viale Europa

Un incendio ha fatto scoppiare un deposito di materiale edile in viale Europa, tra Aversa e Giugliano in Campania. Sul posto si sono immediatamente recate 4 squadre dei vigili del fuoco provenienti da Napoli e Caserta per fronteggiare le fiamme.

La lotta contro le fiamme

Le squadre dei vigili del fuoco hanno lavorato duramente per domare l’incendio e evitare che si propagasse ad altre strutture. Anche a causa del materiale altamente infiammabile presente nel deposito, le operazioni di spegnimento sono state complesse e richiedono tempo.

La situazione attuale

Al momento non si hanno notizie di feriti o danni a persone, ma l’entità dei danni materiali al deposito di materiale edile è ancora da quantificare. Le autorità stanno investigando sulle cause dell’incendio e su eventuali responsabilità legate all’accaduto.

Per ulteriori aggiornamenti su questa notizia in continuo sviluppo, puoi seguire il link all’articolo originale qui: Continua a leggere

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Visita Istituto Eastwest alla Metropolitana di Napoli Municipio

Pubblicato

il

Visita Istituto Eastwest alla Metropolitana di Napoli Municipio

Visita istituzionale alla stazione Municipio di Napoli

Oggi, l’Istituto Eastwest ha effettuato una visita istituzionale alla stazione Municipio della linea 1 della metropolitana di Napoli, su invito del presidente di Metropolitana di Napoli S.p.A., Paolo Carbone. All’incontro hanno preso parte ospiti e membri del comitato scientifico dell’Istituto di geopolitica e consulenza alle imprese sui mercati internazionali.

Gli ospiti hanno avuto l’opportunità di partecipare a un tour guidato del cantiere, dove sono attualmente in corso i lavori di sistemazione dei resti archeologici scoperti nella zona. Un’attenzione particolare è stata rivolta ai risultati ottenuti per preservare e valorizzare la straordinaria stratificazione storica emersa durante gli scavi.

“Realizzare infrastrutture in presenza di siti archeologici è una delle nostre competenze più significative. Nella stazione Municipio sarà presto possibile compiere un viaggio nella memoria della città, che va dall’epoca ellenistica all’epoca medievale, passando per la Napoli Romana e quella Aragonese. È un percorso emozionante che dimostra come Metropolitana di Napoli abbia saputo tradurre il ritrovamento di importanti testimonianze del passato in soluzioni progettuali che, dopo averne garantito il restauro, le restituiscono al presente nella loro inedita bellezza,” ha sottolineato il prof. Paolo Carbone, presidente di Metropolitana di Napoli S.p.A.

Analisi degli scenari internazionali durante il lunch bimestrale di Eastwest

Durante la visita, il CEO di Eastwest, Giuseppe Scognamiglio, ha evidenziato l’importanza dell’evento, che si è svolto in concomitanza con il consueto lunch bimestrale organizzato per riunire imprese e istituzioni al fine di analizzare gli scenari internazionali.

“Oggi abbiamo l’occasione di analizzare i risultati delle elezioni europee e la capacità dell’Europa di tornare protagonista delle relazioni internazionali, in un contesto di conflitti sempre più vicini ai nostri confini. Abbiamo invitato il governatore Vincenzo De Luca e il sindaco Gaetano Manfredi a confrontarsi con gli imprenditori che desiderano espandersi sui mercati internazionali, per creare sinergie e condividere strategie. Questo è il valore che una rete internazionale di consulenza come la nostra può offrire alle aziende italiane in questo momento di grandi cambiamenti degli equilibri globali,” ha dichiarato Scognamiglio.

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Confessione di Mangiacapre: Ho ucciso i fratelli Marrandino per lite su viabilità.

Pubblicato

il

Confessione di Mangiacapre: Ho ucciso i fratelli Marrandino per lite su viabilità.

Il sospetto per l’omicidio dei fratelli Marco e Claudio Marrandino ha confessato: il tragico episodio sarebbe avvenuto durante una lite, ma il motivo rimane ancora al centro delle indagini.

Omicidio dei fratelli Marrandino: il sospetto confessa

Secondo quanto emerso, l’uomo avrebbe sparato ai due fratelli durante un alterco, ma le motivazioni che lo hanno spinto a compiere un gesto così estremo sono ancora oggetto di approfondimento da parte degli investigatori.

Il crimine ha scosso la comunità e la famiglia delle vittime, lasciando tutti attoniti di fronte a tanta violenza. Le autorità stanno lavorando per fare piena luce sulla vicenda e assicurare il responsabile alla giustizia.

Per ulteriori dettagli sull’omicidio dei fratelli Marco e Claudio Marrandino e sulle ultime novità legate al caso, è possibile continuare a leggere l’articolo completo tramite il seguente link: Continua a leggere

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Petizione contro B&B per affitti turistici eccessivi a Napoli

Pubblicato

il

Petizione contro B&B per affitti turistici eccessivi a Napoli

La petizione contro gli affitti turistici a Napoli

Una petizione popolare è stata presentata oggi a Napoli, di fronte al Consiglio comunale, con l’obiettivo di fermare gli affitti turistici e garantire il diritto alla casa per famiglie, precari e studenti. L’attivista Alfonso De Vito ha spiegato che la petizione chiede al Comune di adottare un processo controllato e stabilire limiti massimi per l’autorizzazione dei B&B.

I promotori della petizione hanno evidenziato l’importanza di adottare provvedimenti simili a quelli già in atto in altre città italiane ed europee, sottolineando la necessità di bloccare l’apertura di nuovi B&B nella zona A e nell’area Unesco, dove tali strutture stanno aumentando. Inoltre, è stata richiesta l’interruzione della vendita del patrimonio pubblico per riqualificarlo a fini residenziali.

Le critiche alla politica abitativa

Chiara Capretti, rappresentante della Campagna Resta Abitante, ha espresso critiche al documento dell’amministrazione che era in votazione in Consiglio Comunale. Ha dichiarato che il documento era troppo vago e ambiguo, evidenziando il rischio che si intervenga solo su casi particolari come i bassi, senza affrontare il problema in modo più ampio. Capretti ha sottolineato che l’amministrazione deve fare di più per contrastare l’espulsione degli abitanti dal centro storico e deve evitare la nuova edificazione privata a Napoli Est.

I promotori della petizione hanno annunciato la creazione di punti di raccolta firme in varie zone della città, che saranno indicati tramite manifesti affissi per le strade. L’obiettivo è quello di raccogliere diecimila firme per sostenere la richiesta di regolamentazione degli affitti turistici a Napoli. Hanno sottolineato di non essere contrari al turismo, ma di voler garantire una turistificazione limitata e con adeguate protezioni sociali.

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Incendio a Napoli: fiamme Camaldoli, Fuorigrotta e cenere in città

Pubblicato

il

Incendio a Napoli: fiamme Camaldoli, Fuorigrotta e cenere in città

Un violento incendio ha colpito la collina dei Camaldoli, causando un blackout a Fuorigrotta per un’intera ora. La zona interessata è situata sopra la periferia di Soccavo e Pianura, mettendo a rischio diverse abitazioni. Sul luogo dell’emergenza sono intervenuti i vigili del fuoco, che hanno impiegato anche elicotteri per contrastare le fiamme.

La grave situazione

Le fiamme hanno rapidamente avvolto la collina dei Camaldoli, diffondendosi in maniera rapida e minacciando le case circostanti. Il violento incendio ha causato un’imponente nuvola di fumo nero che si è alzata nel cielo, mettendo in allarme i residenti della zona e i soccorritori.

Intervento immediato

I vigili del fuoco sono giunti tempestivamente sul posto per fronteggiare l’emergenza. L’utilizzo degli elicotteri ha permesso di raggiungere anche le zone più impervie e di contenere l’avanzata delle fiamme. Nonostante la tempestività dell’intervento, il rischio per le abitazioni rimane alto.

Prosegue l’opera di spegnimento

Le operazioni di spegnimento dell’incendio sono ancora in corso, con i vigili del fuoco impegnati nel contenere e circoscrivere le fiamme. La situazione rimane critica e monitorata costantemente, per evitare che l’incendio possa estendersi ulteriormente e causare danni irreparabili.

Appello alla prudenza

Le autorità locali hanno lanciato un appello alla prudenza, invitando i cittadini a prestare massima attenzione e a seguire le indicazioni dei soccorritori. Sono in corso indagini per accertare le cause dell’incendio e per individuare eventuali responsabilità nella gestione dell’emergenza.

Fonte

Continua a leggere

Trending