Seguici sui Social

Cronaca

Napoli: sequestrata merce illecita dal Ghana.

Pubblicato

il

Napoli: sequestrata merce illecita dal Ghana.

A Napoli durante le attività di controllo svolte dall’Agenzia delle Dogane e Monopoli e dalla Guardia di Finanza presso lo scalo portuale partenopeo, è stata scoperta una spedizione sospetta proveniente dal Ghana. All’interno del carico, composto da farmaci, cosmetici, alimenti e bevande alcoliche, per un peso totale di circa 5.000 kg, sono state individuate merci prive delle necessarie certificazioni sanitarie all’importazione. Successivi esami condotti dai Laboratori Chimici dell’Agenzia delle Dogane hanno rivelato la presenza di idrochinone, una sostanza cancerogena assolutamente vietata, nei prodotti cosmetici sequestrati.

Di conseguenza, il rappresentante legale della società importatrice è stato denunciato all’autorità giudiziaria e l’intero carico è stato posto sotto sequestro. Questo episodio evidenzia il costante impegno dell’ADM e della GDF nel prevenire, contrastare e reprimere i traffici illeciti con l’obiettivo di proteggere la salute dei consumatori.

Fonte

Cronaca

Abusivismo a Pompei: sequestro area per camper

Pubblicato

il

Abusivismo a Pompei: sequestro area per camper

Intervento contro lavori abusivi a Pompei

Un’operazione congiunta della Polizia Municipale e dei Carabinieri ha portato al sequestro di un’area di 12mila metri quadrati a Pompei, dove si stavano svolgendo lavori abusivi per la realizzazione di un’area di sosta camper e la ristrutturazione di un vecchio casolare.

Area sottoposta a vincoli paesaggistici

L’area in questione, situata in via Grotta II, a breve distanza dagli scavi archeologici di Civita Giuliana, si trova in una zona soggetta a vincoli paesaggistici e di tutela ambientale. I lavori, ritenuti irregolari rispetto alle normative urbanistiche, prevedevano l’abbassamento del terreno di circa un metro e l’installazione di 26 colonnine per impianti idrici ed elettrici.

Operazione di sequestro coordinata

Il sequestro dell’area è stato eseguito dalla Polizia Municipale, con il supporto dei Carabinieri e del personale tecnico dell’Ufficio Tecnico Comunale.

Sospensione dei lavori e accertamenti in corso

Oltre al sequestro dell’area, sono stati interrotti i lavori di ristrutturazione del casolare e sono attualmente in corso accertamenti per verificare la regolarità dei permessi necessari per tali interventi.

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Youtuber Cicalone fermo Polizia a Secondigliano durante videoGetMapping inTrouble

Pubblicato

il

Youtuber Cicalone fermo Polizia a Secondigliano durante videoGetMapping inTrouble

Simone Cicalone e i suoi collaboratori sono stati fermati per un controllo dalla Polizia a Secondigliano durante la realizzazione di un video. Questo episodio è stato successivamente condiviso dallo youtuber sui social media.

### La vicenda di Simone Cicalone a Secondigliano

Durante le riprese di un video, Simone Cicalone e il suo team sono stati fermati dalla Polizia a Secondigliano per un controllo. Questo fatto ha suscitato curiosità e domande da parte dei fan dell’youtuber, che ha deciso di condividere l’episodio con i suoi follower.

### La reazione di Simone Cicalone

Simone Cicalone ha raccontato nei dettagli l’accaduto sui suoi profili social, tranquillizzando i suoi fan e spiegando che si è trattato solo di un controllo di routine da parte delle forze dell’ordine. L’youtuber ha dimostrato di affrontare la situazione con serenità e pacatezza, mantenendo la sua abituale positività e ironia.

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Sosta abusiva blocca uscita asilo: mamme protestano a Napoli

Pubblicato

il

Sosta abusiva blocca uscita asilo: mamme protestano a Napoli

Rimozione dei paletti per la sicurezza dei bambini

Una protesta ha avuto luogo nel quartiere Sanità a Napoli, dove le mamme di alunni di una scuola dell’infanzia si sono indignate dopo che degli sconosciuti hanno rimosso dei paletti installati per garantire la sicurezza dei bambini. L’episodio si è verificato nei pressi di una scuola dell’infanzia nel rione Sanità, dove i paletti erano stati posizionati di recente dalla Municipalità per impedire il parcheggio selvaggio delle auto in area vietata.

Difficoltà per i bambini a causa della rimozione dei paletti

Tuttavia, ignoti hanno deciso di rimuovere i paletti, rendendo difficile il deflusso dei piccoli alunni all’uscita dalle aule. La presenza dei veicoli parcheggiati ha ostruito l’accesso a una scalinata, costringendo i bambini a intraprendere percorsi alternativi rischiosi, condividendo gli stretti vicoli con il traffico di auto e motorini.

Reazioni e denunce dopo l’accaduto

Pina Conte, dirigente della scuola coinvolta, ha denunciato l’accaduto come un crimine contro l’infanzia, sottolineando la gravità della situazione. “Abbiamo tinto con vernice rosso sangue quello che restava dei paletti tagliati con il flex”, ha dichiarato, evidenziando la fermezza delle mamme di fronte a tale sopruso.

Impegno delle istituzioni e reazione della comunità scolastica

Fabio Greco, presidente della terza Municipalità, ha garantito alle mamme che i paletti saranno riposizionati e ha ribadito il sostegno alle istanze dei bambini contro ogni tipo di abuso. Durante il momento di protesta, gli alunni hanno simbolicamente occupato la scalinata esponendo cartelloni e gridando slogan, mostrando la determinazione della comunità scolastica nel difendere la propria sicurezza e i propri diritti.

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Hotel abusivo sequestrato a San Leucio, Caserta: era in costruzione.

Pubblicato

il

Hotel abusivo sequestrato a San Leucio, Caserta: era in costruzione.

La Polizia Locale di Caserta, sotto la guida del Comandante Piricelli, ha condotto un blitz che ha portato al sequestro di un cantiere di 600 metri quadrati. Il provvedimento è stato preso in seguito a controlli che hanno evidenziato una serie di violazioni edilizie e normative inaccettabili. Si tratta di un intervento importante per contrastare abusi e illegalità nel settore delle costruzioni, garantendo il rispetto delle regole e la tutela del territorio.

### Cantiere sequestrato: un passo contro gli abusi

Il sequestro del cantiere di 600 metri quadrati rappresenta un passo significativo nella lotta contro gli abusi nel settore edile. L’operazione della Polizia Locale di Caserta ha permesso di intervenire tempestivamente per bloccare attività illegali e garantire il rispetto delle normative vigenti. Un segnale forte che dimostra l’impegno delle autorità nel contrastare comportamenti scorretti e tutelare il territorio.

### Azione rapida e decisa della Polizia Locale

Il blitz condotto dalla Polizia Locale di Caserta, guidata con determinazione dal Comandante Piricelli, ha dimostrato la capacità dell’ente di intervenire prontamente di fronte a situazioni di illegalità. Grazie a controlli serrati e azioni mirate, è stato possibile individuare e sequestrare il cantiere oggetto di abusi edilizi. Un intervento che sottolinea l’importanza della vigilanza costante per contrastare fenomeni illegali e garantire il rispetto delle normative.

### Protezione del territorio e rispetto delle regole

Il sequestro del cantiere di 600 metri quadrati a Caserta rappresenta un chiaro messaggio alle persone che violano le norme edilizie e ambientali. La Polizia Locale è impegnata a proteggere il territorio e a garantire il rispetto delle regole, agendo con determinazione contro chiunque cerchi di eludere le normative vigenti. Un’azione concreta che punta a preservare l’ambiente e a contrastare gli abusi nel settore delle costruzioni.

### Conclusioni

Il sequestro del cantiere a Caserta da parte della Polizia Locale, sotto la guida del Comandante Piricelli, rappresenta un importante passo nella lotta contro gli abusi nel settore delle costruzioni. Grazie all’azione decisa delle autorità, è stato possibile bloccare attività illegali e garantire il rispetto delle normative. Un segnale forte che dimostra l’impegno delle istituzioni nel tutelare il territorio e contrastare comportamenti illeciti.Continua a leggere [qui](https://www.fanpage.it/napoli/caserta-sequestro-hotel-cantiere-san-leucio-abusi/)

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Frattamaggiore: la polizia identifica oltre 400 persone

Pubblicato

il

Frattamaggiore: la polizia identifica oltre 400 persone

Risultati dei controlli a Frattamaggiore

Nel corso della giornata di ieri, le autorità competenti hanno condotto controlli a Frattamaggiore con la partecipazione del Reparto Prevenzione Crimine Campania e del Reparto Volo di Napoli.

Durante l’operazione sono state identificate 418 persone, di cui 121 con precedenti penali e 13 soggette agli arresti domiciliari. Sono stati controllati anche 3 esercizi commerciali e 222 veicoli, con l’accertamento di 13 violazioni al Codice della Strada, tra cui mancata copertura assicurativa e revisione scaduta, guida con patente viziata e documenti di circolazione mancanti.

Controlli e violazioni a Frattamaggiore

I controlli effettuati a Frattamaggiore hanno portato all’identificazione di numerose persone con precedenti penali e alla scoperta di soggetti soggetti agli arresti domiciliari. Inoltre, sono state rilevate diverse violazioni al Codice della Strada, evidenziando la necessità di intensificare i controlli sul territorio per garantire la sicurezza stradale e contrastare l’illegalità.

Operatività congiunta delle forze dell’ordine

L’operazione a Frattamaggiore ha dimostrato l’importanza della collaborazione tra diverse forze dell’ordine per contrastare attività illecite e garantire la tutela della comunità. Gli sforzi congiunti delle autorità hanno permesso di individuare soggetti pericolosi e di sanzionare comportamenti in violazione della legge, contribuendo così a preservare la sicurezza e l’ordine pubblico.

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Vigile picchiato nel traffico sulla Domitiana, 3 denunciati per lesioni e violenza

Pubblicato

il

Vigile picchiato nel traffico sulla Domitiana, 3 denunciati per lesioni e violenza

Napoli, tre giovani denunciati per aggressione all’agente della Polizia Municipale sulla Domitiana

Tre giovani sono stati denunciati per l’aggressione all’agente della Polizia Municipale del 7 aprile sulla Domitiana, a Giugliano (Napoli). L’episodio è avvenuto nel traffico e ha portato a denunce per lesioni e violenza privata. Gli aggressori sono stati identificati grazie alle telecamere di sicurezza presenti nella zona.

### Identificati i responsabili dell’aggressione
La Polizia Municipale, dopo aver visionato le immagini delle telecamere di sorveglianza, è riuscita a identificare i tre giovani responsabili dell’aggressione all’agente. Grazie alla collaborazione dei cittadini e alla prontezza nell’individuare i colpevoli, è stato possibile agire prontamente e procedere con le denunce.

### Denunce per lesioni e violenza privata
I tre giovani sono stati denunciati per lesioni e violenza privata nei confronti dell’agente della Polizia Municipale. L’episodio ha suscitato sconcerto e indignazione nella comunità locale, che ha espresso solidarietà nei confronti dell’agente coinvolto e ha condannato fermamente l’atto di violenza.

### Importanza della collaborazione cittadina
L’episodio di violenza sulla Domitiana ha evidenziato l’importanza della collaborazione tra le forze dell’ordine e i cittadini nella lotta contro l’illegalità e l’inciviltà. Grazie alla tempestiva identificazione dei responsabili, è stato possibile attivare i procedimenti legali necessari per garantire giustizia e sicurezza nella comunità.

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Chiaiano: chiuso centro scommesse illegale, scoperti lavoratori in nero

Pubblicato

il

Chiaiano: chiuso centro scommesse illegale, scoperti lavoratori in nero

Operazione congiunta contro le scommesse illegali a Napoli

Un’operazione congiunta tra la Polizia di Stato del Commissariato Scampia e l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Napoli ha portato al sequestro di una postazione per scommesse illegali all’interno di un esercizio commerciale a Chiaiano.

Il sequestro della postazione per scommesse illegali

Durante un controllo, gli agenti hanno scoperto che era presente un computer che permetteva agli avventori di effettuare scommesse con vincite in denaro su piattaforme di gioco online, senza che il titolare del locale fosse in possesso delle relative licenze.

Sanzione amministrativa e lavoratori in nero identificati

Per questo motivo, il titolare è stato sanzionato amministrativamente per un totale di 10.000 euro. Oltre al sequestro del dispositivo illegale, gli operatori hanno anche identificato 3 lavoratori in nero che sono stati segnalati all’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Napoli.

In questo articolo, viene evidenziata l’operazione congiunta tra la Polizia di Stato e l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Napoli per contrastare le scommesse illegali. La scoperta di una postazione per scommesse illegali ha portato al sequestro di un dispositivo utilizzato per effettuare giocate non autorizzate. Il titolare del locale è stato sanzionato amministrativamente per un importo di 10.000 euro e sono stati identificati 3 lavoratori in nero, segnalati all’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Napoli. Una operazione che dimostra l’impegno delle forze dell’ordine nel contrastare le attività illegali legate al gioco d’azzardo.

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Picchia la ragazza e le taglia i capelli: “Perché ti scambino per un uomo e non ti guardino”

Pubblicato

il

Picchia la ragazza e le taglia i capelli: “Perché ti scambino per un uomo e non ti guardino”

Un giovane di 21 anni di Angri (Salerno) è stato portato a processo per aver tormentato la sua fidanzata per otto mesi a causa di una gelosia morbosa. La ragazza ha dovuto denunciarlo per porre fine alle sue azioni.

### La gelosia morbosa del giovane di Angri

Il 21enne di Angri è stato accusato di aver tormentato la sua fidanzata a causa di una gelosia eccessiva che lo ha portato a compiere atti violenti nei suoi confronti. La ragazza, stremata da mesi di soprusi, ha finalmente deciso di denunciare il suo aguzzino per porre fine alla situazione.

### Gli atti violenti del giovane

Secondo quanto emerso durante il processo, il giovane aveva picchiato la sua fidanzata e addirittura le aveva tagliato i capelli nella speranza di trasformarla in un “maschio” e evitare che altri uomini potessero guardarla. Questi atti sono stati considerati gravissimi e hanno portato alla denuncia da parte della ragazza.

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Sant’Anastasia: due rapine in una settimana, supermercato rischia chiusura

Pubblicato

il

Sant’Anastasia: due rapine in una settimana, supermercato rischia chiusura

Rapine nei supermercati di Sant’Anastasia: rischio chiusura per il Eurospar Calce

Nell’ultima settimana, i supermercati del centro commerciale Eurospar Calce di Sant’Anastasia, in provincia di Napoli, hanno subito due rapine, causando un danno stimato di circa 150 mila euro. Nonostante siano attivi da circa 60 anni, ora rischiano di dover chiudere i battenti. La notizia è stata resa pubblica dal deputato dell’Alleanza Verdi-Sinistra Francesco Emilio Borrelli che ha diffuso anche il video dei due furti.

La difesa notturna del titolare Gennaro

Il titolare, Gennaro, come riportato nella nota di Borrelli, è costretto a passare le notti nei locali del supermercato su una sedia per difendere il proprio negozio da possibili attacchi. I criminali, sempre più audaci e astuti, sono riusciti addirittura a sabotare il sistema di sicurezza, causando fuoriuscite di liquidi quando manipolano le casse.

Appello per la tutela e la sicurezza

Gennaro ha espresso il suo disappunto, dichiarando che desidera solamente essere tutelato dallo Stato e avere la possibilità di continuare a investire e a lavorare. In caso contrario, sarebbe costretto a licenziare ben 25 famiglie e abbandonare il luogo in cui sono nati e hanno investito.

L’appello per ripristinare la sicurezza

Il comunicato sottolinea la necessità di porre una domanda fondamentale: è giusto che i commercianti e gli imprenditori debbano rimanere sul posto di lavoro anche dopo la chiusura per difendere autonomamente le loro attività, rischiando addirittura la propria incolumità, mentre i rapinatori operano indisturbati? Certi territori sembrano completamente sfuggire al controllo delle autorità. Nonostante le promesse del Ministro competente di incrementare il numero di agenti sul territorio, ciò non è mai avvenuto. In particolare, in quest’area, molti commercianti hanno subito rapine e furti ripetuti negli ultimi mesi, creando una situazione insostenibile.

Il supporto del deputato Borrelli

Borrelli esorta a compiere sforzi concreti per ripristinare la sicurezza, fornendo alle forze dell’ordine più risorse umane e mezzi necessari. Questo è ciò che chiedono i cittadini e i commercianti, ormai esasperati. Il deputato assicura il suo pieno sostegno in questa battaglia per la legalità.

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Colpi da 150mila euro al supermarket, proprietario: “Disperato, vivo tra gli scaffali”

Pubblicato

il

Colpi da 150mila euro al supermarket, proprietario: “Disperato, vivo tra gli scaffali”

Il supermercato Eurospar Calce di Sant’Anastasia rischia la chiusura dopo due furti in una settimana. Il proprietario, intervistato da Fanpage.it, esprime la sua disperazione: “Siamo allo stremo, chiedo solo maggiore sicurezza per poter lavorare serenamente. A 32 anni e dopo aver sempre pagato le tasse, non è giusto dover affrontare queste difficoltà”.

### Escalation di furti

L’Eurospar Calce di Sant’Anastasia ha subito due furti in una sola settimana, che hanno causato danni per un valore di 150.000 euro. Questa situazione ha portato il proprietario del supermercato sull’orlo della chiusura, con ripercussioni non solo economiche ma anche emotive.

### Appello per maggiori misure di sicurezza

Il proprietario del supermercato ha espresso la sua richiesta di maggiore sicurezza per poter continuare a operare senza timore di nuovi furti. Dopo aver contribuito alla società pagando regolarmente le tasse, si sente tradito dal fatto di non poter svolgere la propria attività in tranquillità.

Per ulteriori dettagli sulla vicenda e per capire come sostenere il supermercato Eurospar Calce di Sant’Anastasia in questo momento di difficoltà, è possibile continuare a leggere l’articolo completo su Fanpage.it.

Fonte

Continua a leggere

Trending