Seguici sui Social

Cronaca

Riscoperta degli Eusebeia, giochi sportivi storici partono da Napoli: area flegrea.

Pubblicato

il

Riscoperta degli Eusebeia, giochi sportivi storici partono da Napoli: area flegrea.

Il progetto PRO.MO.S.S.I., Programma di mobilità nelle scuole secondarie della Regione Campania, promuove la rievocazione degli Eusebeia, i giochi sportivi dell’antica Roma istituiti da Antonino Pio nel II secolo d.C. in memoria dell’Imperatore Adriano. L’istituto Francesco Saverio Nitti di Napoli guida una rete di scuole coinvolte nel progetto, con l’obiettivo di promuovere lo sport, la storia e l’educazione alla cittadinanza globale e alla mobilità transnazionale.

Il progetto ha preso forma in seguito a un convegno promosso dall’Università Federico II di Napoli, intitolato “Essere sempre il migliore. Concorsi e gare nella Napoli antica”, organizzato dal professore di Archeologia classica Federico Rausa. La dirigente scolastica dell’istituto Nitti, Nunzia Campolattano, ha sottolineato l’importanza di promuovere i valori etici che erano fondamentali nell’antica Roma, spesso trascurati oggi, e di far comprendere alle nuove generazioni che le guerre potevano essere evitate attraverso il confronto pacifico tra i popoli.

Una delegazione di licei della rete rumena Eusebeia ha partecipato a un momento di scambio con le scuole italiane, con presentazioni ed esibizioni tratte dai giochi antichi, e un video realizzato dagli studenti dell’istituto Nitti che rievoca gli Eusebeia. A dicembre, trenta studenti delle scuole coinvolte viaggeranno a Bucarest per la rievocazione dei giochi antichi, fornendo loro spunti di riflessione sui valori etici delle pratiche sportive dell’antichità e un momento di confronto tra i due popoli, italiani e rumeni.

Il Responsabile del dipartimento politiche giovanili della Regione Campania, Giuseppe Pagliarulo, ha sottolineato che il programma PRO.MO.S.S.I. rappresenta un’occasione per permettere ai giovani di misurarsi con apertura culturale verso altri valori di comunità e storia, in particolare nella dimensione storica di Adriano, imperatore illuminato e visionario, e di promuovere i legami internazionali.