Seguici sui Social

Cronaca

Vomero: traffico subito in tilt in piazza degli Artisti con nuovo dispositivo di traffico

Pubblicato

il

Vomero: traffico subito in tilt in piazza degli Artisti con nuovo dispositivo di traffico

Anche quest’anno, è stato confermato che si terranno le fiere natalizie nell’ambito della municipalità collinare, che include i quartieri del Vomero e dell’Arenella. Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori Collinari, ha annunciato l’organizzazione di tali eventi per il Natale 2023.

Con la disposizione dirigenziale n. 334 del 13/11/2023, sono stati pubblicati i bandi relativi alle fiere natalizie, attualmente in fase di preparazione. Le strade e le piazze prescelte per ospitare le fiere includono l’area pedonale tra le vie Kauffmann e Bertini, nei pressi del Parco Mascagna, con 37 stalli a disposizione. Altri 10 stalli saranno presenti sia in via Enrico Alvino che in Piazza Muzii, mentre 22 stalli saranno posizionati in piazza degli Artisti, per un totale di 79 stalli.

Tuttavia, la decisione di includere una delle fiere in piazza degli Artisti ha generato disagi e proteste. La presenza della fiera natalizia in questa piazza, già interessata da lavori all’albero monumentale, causerà problemi aggiuntivi al traffico in un’area che attualmente è già congestionata, con notevoli ripercussioni sull’intera zona circostante.

Inoltre, è stato introdotto un nuovo dispositivo di traffico per collocare gli stalli in piazza degli Artisti, con divieto di transito veicolare nella rotatoria e nel tratto della piazza, e la creazione di un’area pedonale con divieto di sosta. Il dispositivo prevede anche il divieto di sosta per l’intera giornata, con rimozione forzata, nell’area antistante l’isola spartitraffico, con conseguente sospensione degli stalli per i motoveicoli ivi posizionati.

Capodanno ha concluso sollecitando gli uffici preposti ad assicurare il rispetto dei requisiti normativi durante le fiere natalizie e chiedendo di considerare alternative, come il piazzale di San Martino, per evitare problemi al traffico già caotico durante le festività.

Cronaca

Caserta, albero cade su auto vicino Conad: 75enne intrappolato

Pubblicato

il

Caserta, albero cade su auto vicino Conad: 75enne intrappolato

Albero Crolla su Auto a Caserta: Salvataggio Drammatico in Via Eleuterio Ruggiero

Un evento drammatico ha avuto luogo in Via Eleuterio Ruggiero a Caserta, dove un grande albero è crollato improvvisamente, colpendo un’auto in transito e intrappolando un uomo all’interno. Il pronto intervento dei vigili del fuoco ha evitato il peggio, salvando la vita del malcapitato. L’incidente è avvenuto nei pressi del supermercato Conad, aggiungendo ulteriore tensione a un’area frequentemente trafficata.

La Dinamica dell’Incidente

Intorno a mezzogiorno, un fruscio premonitore e poi un tonfo assordante hanno segnalato la caduta dell’albero, che si è schiantato su un’auto con un uomo a bordo. L’uomo, un settantenne, è rimasto intrappolato nel veicolo mentre i passanti e i residenti hanno immediatamente chiamato i servizi di emergenza. Fortunatamente, l’intervento dei pompieri è stato rapidissimo, consentendo di estrarre il settantenne dall’auto in tempi brevi.

Il Pronto Intervento dei Vigili del Fuoco

L’efficacia e la tempestività dei vigili del fuoco sono state determinanti nel salvataggio dell’uomo intrappolato. I pompieri hanno utilizzato attrezzature specializzate per tagliare i rami e liberare l’auto, riuscendo infine a mettere in salvo il settantenne. Il malcapitato è stato subito soccorso e, dopo un controllo medico preliminare, sembra non aver riportato ferite gravi.

Le Cause del Crollo

Le cause del crollo dell’albero sono ancora in fase di accertamento. Le prime ipotesi puntano ad un’infiltrazione d’acqua o a un cedimento strutturale del terreno, associato a condizioni meteo avverse dei giorni precedenti. Gli esperti stanno effettuando verifiche più approfondite per comprendere appieno la dinamica dell’incidente e prevenire futuri rischi.

Impatto sulla Comunità Locale

L’evento ha sollevato preoccupazioni tra i residenti e i negozianti dell’area, data la frequenza con cui la zona viene attraversata da pedoni e automobilisti. Il comune di Caserta ha promesso di eseguire un controllo più rigido sugli alberi presenti nelle aree urbane per evitare ulteriori crolli imprevisti.

Misure Preventive

Le autorità locali stanno già pianificando una serie di interventi preventivi. Si prevede la potatura e il controllo periodico degli alberi situati nei punti critici della città. Inoltre, saranno installati sensori per monitorare la salute degli alberi e l’integrità del terreno circostante, riducendo così il rischio di nuovi episodi simili.

Per ulteriori dettagli sull’evento e sull’operazione di salvataggio, visita il link [continua a leggere](https://www.fanpage.it/napoli/caserta-albero-crolla-su-auto-vicino-al-supermercato-conad-75enne-resta-intrappolato/).

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Incidente mortale a 21 anni, famiglia: “Lavorava in nero, denuncia”

Pubblicato

il

Incidente mortale a 21 anni, famiglia: “Lavorava in nero, denuncia”

# Tragico Incidente a Scafati: Muore un Giovane di 21 Anni

Un 21enne, Alessandro Panariello, ha perso la vita in un tragico incidente sul lavoro a Scafati. La famiglia del giovane, sostenuta dai propri avvocati, ha dichiarato che Alessandro lavorava in nero e ha intenzione di sporgere denuncia contro il datore di lavoro.

Il Dramma di Scafati

Alessandro Panariello, solo 21 anni, ha trovato una morte prematura in quello che doveva essere un’ordinaria giornata di lavoro. Gli avvocati della famiglia sostengono che il giovane, al momento dell’incidente, non era regolarmente assunto. Questa scoperta ha aggravato ulteriormente il dolore della famiglia, che ora sta cercando giustizia.

L’Accusa degli Avvocati

Gli avvocati della famiglia Panariello hanno affermato che la situazione in cui lavorava Alessandro era irregolare. “Alessandro lavorava in nero”, hanno dichiarato. Questa grave accusa non solo getta una luce negativa sull’operato del datore di lavoro, ma solleva anche importanti questioni sulla sicurezza e i diritti lavorativi.

La Procedura Legale

La famiglia, con l’assistenza dei propri avvocati, intende procedere legalmente contro il datore di lavoro. “Sporgeremo querela contro il datore di lavoro”, hanno annunciato, determinati a fare emergere la verità e ottenere giustizia per Alessandro.

La Sicurezza sul Lavoro

Questo tragico evento accende un faro sulla delicata questione della sicurezza sul lavoro e delle condizioni contrattuali dei giovani lavoratori. È fondamentale garantire che ogni lavoratore operi in condizioni sicure e con contratti regolari per prevenire simili tragedie in futuro.

Azioni Immediate

A seguito della tragedia e delle accuse mosse, si profilano azioni legali imminenti. Le autorità competenti sono chiamate a indagare con urgenza per accertare le responsabilità e fare chiarezza sull’accaduto.

Per ulteriori dettagli e approfondimenti su questa dolorosa vicenda, vi invitiamo a [continuare a leggere](https://www.fanpage.it/napoli/muore-a-21-anni-in-un-incidente-sul-lavoro-la-famiglia-lavorava-in-nero-denunceremo-il-titolare/).

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Armata di coltello minaccia tassista alla Stazione Centrale di Napoli

Pubblicato

il

Armata di coltello minaccia tassista alla Stazione Centrale di Napoli

Giovane Abruzzese Minaccia Tassista con Coltello alla Stazione Centrale di Napoli

Allarme alla Stazione Centrale di Napoli dopo che una giovane di 23 anni, proveniente dall’Abruzzo, ha intimorito un tassista brandendo un coltello a serramanico. La ragazza è stata immediatamente fermata dalle autorità.

# Le Circostanze dell’Incidente

L’inquietante episodio si è verificato nei pressi di uno dei principali snodi ferroviari d’Italia, la Stazione Centrale di Napoli. La giovane avrebbe estratto il coltello e minacciato il tassista, creando panico tra i presenti. Fortunatamente, l’intervento tempestivo delle forze dell’ordine ha evitato il peggio, portando alla rapida neutralizzazione della minaccia e al fermo della ragazza.

# La Reazione delle Autorità

Dopo aver ricevuto la segnalazione, gli agenti di polizia sono accorsi sul posto e hanno proceduto al fermo della giovane donna. Sotto shock, il tassista ha descritto la scena come un momento di puro terrore. La ragazza è stata portata in caserma per ulteriori accertamenti e, a quanto si apprende, non avrebbe fornito spiegazioni coerenti per il suo gesto.

# La Sicurezza alla Stazione Centrale

Questo episodio solleva nuovamente la questione della sicurezza nelle aree ad alta frequentazione come la Stazione Centrale di Napoli. Non è il primo caso di minacce e aggressioni in questa zona, il che evidenzia la necessità di intensificare le misure di sicurezza per garantire la protezione dei cittadini e dei lavoratori.

# Conseguenze Legali

La giovane abruzzese potrebbe ora dover affrontare gravi conseguenze legali per il suo comportamento. L’accusa di minaccia aggravata con arma bianca è estremamente seria e potrebbe portare a pene severe. Gli inquirenti proseguiranno le indagini per chiarire le motivazioni dietro questo atto sconsiderato.

Per ulteriori aggiornamenti su questa e altre notizie, visita [Fanpage Napoli](https://www.fanpage.it/napoli/minaccia-un-tassista-armata-di-coltello-alla-stazione-centrale-di-napoli/).

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Pizzaiolo arrestato per accoltellamento di un collega a Fuorigrotta

Pubblicato

il

Pizzaiolo arrestato per accoltellamento di un collega a Fuorigrotta

“`html






Rintracciato e fermato il pizzaiolo che ha accoltellato un collega a Fuorigrotta


Rintracciato e Fermo il Pizzaiolo Responsabile dell’Accoltellamento di un Collega a Fuorigrotta

Arresto polizia

Un pizzaiolo di 49 anni è stato rintracciato e fermato dopo aver accoltellato un collega di 24 anni a Fuorigrotta. L’episodio è avvenuto durante una lite scoppiata per futili motivi. Il responsabile era inizialmente irreperibile, avendo accompagnato la vittima al Pronto Soccorso prima di far perdere le tracce.

La Dinamica dell’Accaduto

La lite tra i due pizzaioli ha avuto origine da una discussione banale che è rapidamente degenerata. Il quarantanovenne ha estratto un coltello e ha ferito gravemente il giovane collega. Dopo l’incidente, l’aggressore ha tentato di sottrarsi alle proprie responsabilità accompagnando la vittima all’ospedale e poi facendo perdere le proprie tracce.

Intervento delle Forze dell’Ordine

Grazie all’intervento tempestivo delle forze dell’ordine, l’uomo è stato rintracciato e fermato poco dopo aver abbandonato la struttura ospedaliera. Le ricerche sono partite immediatamente, vista la gravità dell’episodio e la necessità di garantire la giustizia. Attualmente, sono in corso le indagini per chiarire ulteriori dettagli e motivi dietro l’aggressione.

Condizioni della Vittima

Il giovane pizzaiolo, vittima dell’accoltellamento, è stato ricoverato e sottoposto a cure mediche presso il Pronto Soccorso. Fortunatamente, i medici riportano che le sue condizioni sono stabili, nonostante la gravità delle ferite subite. Resterà comunque sotto osservazione per assicurarsi che non vi siano complicazioni.

Reazioni della Comunità Locale

L’accaduto ha scosso profondamente la comunità di Fuorigrotta, generando incredulità e preoccupazione tra i residenti. Amici e conoscenti delle parti coinvolte hanno espresso sgomento per quanto accaduto, ribadendo l’importanza di evitare comportamenti violenti e di ricorrere sempre al dialogo per risolvere i conflitti.

Continua a leggere



“`

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Campi Flegrei: falsi tecnici, allarme della Protezione Civile

Pubblicato

il

Campi Flegrei: falsi tecnici, allarme della Protezione Civile

L’avviso della Protezione Civile Regionale: “Non sono previsti sopralluoghi interni ai fabbricati da parte dei rilevatori”

Protezione Civile

La Protezione Civile Regionale ha emesso un avviso importante per informare i cittadini riguardo le attività dei rilevatori. L’annuncio chiarisce che, attualmente, non sono previsti sopralluoghi interni ai fabbricati. Questo comunicato si è reso necessario a fronte di segnalazioni riguardanti falsi tecnici che chiedono di entrare nelle abitazioni. Questi individui, infatti, potrebbero rappresentare un pericolo per la sicurezza dei residenti.

Preoccupazioni sulla sicurezza

Le false identità e le richieste sospette hanno sollevato numerosi allarmi tra i cittadini. La Protezione Civile ha precisato che ogni intervento ufficiale sarà sempre comunicato in modo chiaro attraverso canali autorizzati. Questo avviso serve a mettere in guardia la popolazione e a prevenire tentativi di truffa.

Il fenomeno del bradisismo nei Campi Flegrei

L’area dei Campi Flegrei è attualmente sotto stretta osservazione a causa del fenomeno del bradisismo. Questo fenomeno rende la situazione particolarmente delicata, poiché la paura per i movimenti sismici può essere sfruttata da malintenzionati per scopi illeciti.

Come riconoscere i veri tecnici

Per evitare situazioni di pericolo, è importante conoscere i segni distintivi dei veri tecnici autorizzati dalla Protezione Civile. Essi saranno sempre muniti di tesserino identificativo e solitamente saranno accompagnati da una comunicazione preventiva. In caso di dubbi, i cittadini sono invitati a contattare direttamente la Protezione Civile per verificare l’autenticità delle richieste di accesso.

Raccomandazioni per i cittadini

La Protezione Civile raccomanda di non aprire la porta a individui non identificati e di segnalarne subito la presenza alle autorità competenti. Inoltre, è consigliato tenere sempre un atteggiamento di prudenza e informarsi attraverso canali ufficiali.

Per ulteriori informazioni e aggiornamenti, è possibile visitare il sito ufficiale della Protezione Civile o seguire le loro comunicazioni sui social media.

Continua a leggere su [Fanpage](https://www.fanpage.it/napoli/bradisismo-campi-flegrei-falsi-tecnici-chiedono-di-entrare-nelle-case-denunciate-allarme-della-protezione-civile/) per maggiori dettagli.

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Nubifragio a Napoli: strade allagate, cavo alta tensione caduto

Pubblicato

il

Nubifragio a Napoli: strade allagate, cavo alta tensione caduto

Strade allagate a Napoli a causa di nubifragio

# Nubifragio Improvviso Causa Caos a Napoli: Strade Inondate e Cavo dell’Alta Tensione Caduto ai Camaldoli

Un violento nubifragio ha colpito improvvisamente Napoli, portando scompiglio in tutta la città. Le strade sono state rapidamente sommerse dall’acqua, creando gravi disagi per i residenti e i pendolari. Ai Camaldoli, un cavo dell’alta tensione è crollato in strada, aggravando ulteriormente la situazione.

Strade Allagate in Tutta la Città

Napoli si è trovata a fronteggiare un inaspettato e violento nubifragio che ha causato numerosi allagamenti. Le infrastrutture del capoluogo campano sono state messe a dura prova, con diverse vie che sono diventate impraticabili. Residenti e automobilisti sono stati costretti a rimanere fermi o a cercare percorsi alternativi per tornare a casa o raggiungere il lavoro.

Pericoli Crescenti: Cavo dell’Alta Tensione ai Camaldoli

In una delle aree più colpite, i Camaldoli, la pioggia torrenziale ha provocato la caduta di un cavo dell’alta tensione in strada. Questo ha creato un ulteriore pericolo per gli abitanti, richiedendo l’intervento urgente dei tecnici e dei vigili del fuoco per mettere in sicurezza la zona. Il rischio di scariche elettriche e possibili blackout ha reso la situazione ancora più critica.

La Risposta delle Autorità

Le autorità locali si sono immediatamente attivate per gestire l’emergenza. Squadre di tecnici e soccorritori sono state dispiegate in vari punti della città per affrontare gli allagamenti e i vari danni provocati dalla tempesta. In particolare, la messa in sicurezza del cavo dell’alta tensione ai Camaldoli ha avuto la priorità assoluta per evitare ulteriori incidenti.

Un Invito alla Prudenza

Le condizioni meteorologiche instabili stanno preoccupando non solo Napoli, ma tutto il territorio campano. Le istituzioni stanno esortando i cittadini alla massima prudenza, consigliando di limitare gli spostamenti solo ai casi strettamente necessari e di rimanere informati sulle previsioni meteo attraverso canali ufficiali.

Per maggiori dettagli sull’accaduto, visitate l’articolo completo su [Fanpage](https://www.fanpage.it/napoli/nubifragio-su-napoli-strade-allagate-cade-un-cavo-dellalta-tensione-ai-camaldoli/).



Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Napoli, libreria Mondadori in Galleria Umberto chiusa dai vigili

Pubblicato

il

Napoli, libreria Mondadori in Galleria Umberto chiusa dai vigili

**Libreria Mondadori in Galleria Umberto I Temporaneamente Chiusa per Controlli della Polizia Locale**

![Immagine della Galleria Umberto I](“https://staticfanpage.akamaized.net/wp-content/uploads/sites/30/2024/05/mondadori-chiusa-2024-05-18-alle-13-1716031001092-300×225.jpg”)

Gli agenti della Polizia Locale sono intervenuti questa mattina presso la libreria Mondadori situata nella prestigiosa Galleria Umberto I. Durante l’ispezione è emersa la necessità di presentare ulteriori documenti per poter mantenere aperta l’attività. Questo ha portato alla chiusura temporanea del negozio.

Intervento della Polizia Locale

Il blitz degli agenti della Polizia Locale è avvenuto alle prime ore del mattino. Gli ufficiali hanno richiesto di visionare tutti i documenti necessari per il regolare funzionamento della libreria. Durante il controllo, si è riscontrata la mancanza di alcuni documenti, rendendo inevitabile la chiusura temporanea dell’attività.

Impatto sulla Comunità

La chiusura temporanea della libreria Mondadori ha creato parecchio scompiglio tra i frequentatori abituali e i turisti. La libreria, situata nel cuore culturale di Napoli, è un punto di riferimento per amanti dei libri e lettori affezionati. La notizia si è rapidamente diffusa, causando disappunto e preoccupazione tra i cittadini.

Reazioni e Aspettative

La speranza è che questa situazione possa risolversi al più presto, permettendo alla libreria Mondadori di riaprire le sue porte. I responsabili del negozio stanno attualmente lavorando per raccogliere e presentare tutti i documenti necessari. La comunità è fiduciosa che il problema sarà risolto velocemente, consentendo alla libreria di tornare a essere il punto di riferimento culturale che è sempre stata.

Prospettive e Futuro

La chiusura temporanea della libreria Mondadori mette in luce l’importanza della conformità amministrativa e della necessità di possedere tutte le licenze richieste. In futuro, sarà fondamentale mantenere un controllo costante su questi aspetti per evitare interruzioni simili. Nel frattempo, i clienti sono invitati a tenersi aggiornati sulle novità riguardanti la riapertura attraverso canali ufficiali.

Per ulteriori dettagli sulla vicenda, continua a leggere l’articolo originale [qui](https://www.fanpage.it/napoli/napoli-vigili-nella-mondadori-in-galleria-stop-alla-libreria-inaugurata-ieri/).

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Armato di coltello ruba scooter e insegue compagna: arrestato

Pubblicato

il

Armato di coltello ruba scooter e insegue compagna: arrestato

Panico nell’Hinterland di Napoli: Uomo Armato di Coltello Ruba Scooter e Insegue Compagna

Un inquietante episodio si è verificato nei sobborghi di Napoli. Un uomo, armato di coltello, ha rubato uno scooter dopo aver aggredito un giovane di 17 anni. La sua ossessione? Inseguire la compagna attraverso tre città. L’accaduto ha portato all’arresto dell’uomo da parte dei carabinieri.

Fuga Disperata e Aggressione ai Cognati

La vicenda ha avuto inizio quando la donna, vittima di un’aggressione, è fuggita dai cognati. La sua disperata ricerca di aiuto è stata vanificata dal comportamento crudele del compagno che, non volendo rinunciare a lei, ha preso un coltello per seguirla.

Scooter Rubato e Inseguimento da Film

Determinato a non lasciare scampo alla donna, l’uomo ha rubato uno scooter appartenente a un ragazzo di 17 anni, picchiandolo brutalmente. In sella al mezzo rubato, ha perseguito la compagna attraverso diverse città, creando un’atmosfera di panico e insicurezza per tutti coloro che sono stati testimoni di questo drammatico inseguimento.

Irrompe nell’Appartamento di un’Anziana

La folle corsa si è conclusa in modo drammatico quando l’uomo è riuscito a entrare in un edificio e ha fatto irruzione nell’appartamento di una donna anziana di 82 anni. Il suo obiettivo era raggiungere le scale condominiali per arrivare all’appartamento dove riteneva si fosse rifugiata la moglie.

Intervento e Arresto dei Carabinieri

Fortunatamente, l’intervento tempestivo dei carabinieri ha messo fine a questa vicenda. Gli agenti sono riusciti a bloccare e disarmare l’uomo, arrestando lui prima che potesse causare ulteriori danni. La sua follia omicida è stata fermata, ma non senza causare paura e scompiglio tra i residenti.

Per ulteriori dettagli e aggiornamenti su questa vicenda drammatica vi invitiamo a [continuare a leggere](https://www.fanpage.it/napoli/armato-di-coltello-ruba-uno-scooter-inseguendo-la-compagna-attraverso-tre-citta-arrestato/).

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Tentano furto: esplodono bancomat e seminano chiodi, ma falliscono

Pubblicato

il

Tentano furto: esplodono bancomat e seminano chiodi, ma falliscono

Chiodi a tre punte sul terreno

# Tentativo di Esplosione di Bancomat a Salerno: Colpo Sventato dall’Intervento della Polizia

A Salerno è andato in scena un tentativo di furto che ha avuto un epilogo inaspettato. Un gruppo di malviventi ha cercato di far esplodere un bancomat per impossessarsi del denaro custodito all’interno. Tuttavia, l’arrivo tempestivo delle forze dell’ordine ha mandato all’aria il loro piano. Il fallimento del colpo ha portato i criminali a seminare chiodi a tre punte lungo la strada nel tentativo di ostacolare la fuga della polizia. Poche ore dopo, nelle vicinanze, è stato segnalato un altro furto con la sottrazione di una cassaforte da un negozio, sollevando i sospetti che gli stessi autori possano essere coinvolti in entrambi gli episodi.

I Dettagli del Tentativo di Furto

I malviventi avevano pianificato di far esplodere un bancomat situato in una zona centrale di Salerno, presumibilmente utilizzando un mix di sostanze esplosive. Tuttavia, sin dalle prime fasi dell’operazione, qualcosa deve essere andato storto. La polizia, infatti, era già sulla scena prima ancora che i criminali completassero il loro piano. L’intervento tempestivo delle forze dell’ordine ha sventato il furto, costringendo i sospettati a una fuga caotica.

Fuoristrada e Chiodi a Tre Punte

Nel tentativo di garantirsi una fuga efficiente, i ladri hanno sparso chiodi a tre punte lungo la strada. Questi dispositivi sono stati progettati per forare gli pneumatici dei veicoli inseguitori, ritardando così le operazioni di inseguimento della polizia. Nonostante questo tentativo, le forze dell’ordine sono riuscite a limitare i danni e a mantenere il controllo della situazione.

Un Secondo Furto Poco Distante

Non lontano dal luogo del tentato furto del bancomat, un altro episodio criminoso ha coinvolto la sottrazione di una cassaforte da un negozio. Le modalità operative e la vicinanza temporale hanno portato gli investigatori a ipotizzare che possa trattarsi della stessa banda criminale. Le indagini sono attualmente in corso per verificare i collegamenti tra i due furti e per individuare i responsabili.

Implicazioni per la Sicurezza Locale

Questi eventi sottolineano l’importanza di un rafforzamento delle misure di sicurezza nelle aree commerciali e nei punti di accesso finanziario come i bancomat. L’uso di tecnologie avanzate per la prevenzione dei furti e di una sorveglianza più intensa potrebbe ridurre significativamente il rischio di incidenti simili in futuro.

Per ulteriori dettagli e aggiornamenti sulla vicenda, visita il [link all’articolo originale](https://www.fanpage.it/napoli/fanno-esplodere-il-bancomat-e-seminano-chiodi-a-tre-punte-in-strada-ma-il-colpo-fallisce/).

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Rapine a stazioni di servizio: due colpi a Fuorigrotta

Pubblicato

il

Rapine a stazioni di servizio: due colpi a Fuorigrotta

Due Rapine Identiche a Breve Distanza a Fuorigrotta: Indagini in Corso

![Benzina distributore](https://staticfanpage.akamaized.net/wp-content/uploads/sites/30/2022/03/Benzina-distributore-300×225.jpeg)

Nella giornata di ieri, due rapine che sembrano essere esattamente identiche si sono verificate a pochi minuti l’una dall’altra nel quartiere di Fuorigrotta, Napoli. Gli eventi hanno allertato i carabinieri di Bagnoli che ora sono impegnati nelle indagini per cercare di identificare i responsabili di questi atti criminosi.

Due Rapine in Serie a Fuorigrotta

Le rapine sono avvenute in rapida successione e condividono diversi elementi in comune che fanno pensare a un collegamento tra i due episodi. La prima rapina si è verificata in via Terracina, seguita poco dopo da un’altra in via Cinthia. In entrambi i casi, i rapinatori hanno preso di mira stazioni di servizio, minacciando il personale con armi da fuoco e facendosi consegnare il denaro in cassa.

Intervento dei Carabinieri

I carabinieri di Bagnoli si sono immediatamente mobilitati per rispondere alle segnalazioni delle rapine. Hanno subito iniziato a raccogliere testimonianze e prove sul posto nel tentativo di identificare i colpevoli. La velocità e la precisione delle due rapine suggeriscono che i criminali fossero ben organizzati e conoscano bene il territorio.

Indagini in Corso

Le indagini sono in corso e le forze dell’ordine stanno esaminando tutte le possibili piste. Si spera che le immagini delle telecamere di sorveglianza possano fornire indizi cruciali per l’identificazione e la cattura dei rapinatori. Nel frattempo, i residenti di Fuorigrotta sono invitati a rimanere vigili e a segnalare qualsiasi attività sospetta alle autorità.

Conclusione

Le due rapine a Fuorigrotta rappresentano un grave episodio di criminalità che ha sconvolto la quiete del quartiere. Le autorità sono al lavoro per garantire che i responsabili siano portati davanti alla giustizia. Mentre gli investigatori continuano a cercare indizi, è importante che la comunità rimanga unita e cooperi con le forze dell’ordine per prevenire ulteriori episodi di violenza.

Per ulteriori aggiornamenti su questa vicenda, segui il link: [Continua a leggere](https://www.fanpage.it/napoli/rapine-alle-pompe-di-benzina-a-fuorigrotta-due-raid-a-via-terracina-e-via-cinthia/).

Fonte

Continua a leggere

Trending